loading ...
Tap

Italiani all’estero sempre più in aumento, gli ultimi dati AIRE.

AIRE

“Cervelli in fuga” – siamo sicuri si tratti solo di questo? Siamo circondati di persone alle prese con le valigie pronti a partire e quelli che iniziano invece, ad elaborare il loro “piano di fuga”. Non si tratta di semplici parole, basate su chiacchiere di quartiere o chiacchiere tra amici, esistono fatti e numeri: 7,3% degli italiani all’estero su 60 milioni di abitanti.

aire 300x225 Italiani allestero sempre più in aumento, gli ultimi dati AIRE.Scorrendo tra le righe dei dati forniti dall’ Aire (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) emergono informazioni a dir poco interessanti e allarmanti. Negli ultimi anni gli italiani che si sono trasferiti all’estero sono migliaia e parlare di fuga di cervelli sarebbe troppo riduttivo per riuscire a racchiudere la molteplicita’ di storie, di vissuti e di condizioni che hanno spinto queste persone a lasciare l’Italia.

3,1% di iscrizioni in piu’ rispetto all’anno scorso 2012, per essere piu’ esatti: 132.179 nuove iscrizioni. La presenza degli italiani all’estero puo’ essere suddivisa in continenti, partendo dalla piu’ popolata come l’Europa (2.364.263, il 54,5% del totale), seguita dall’America (1.738.831, il 40,1% del totale), dall’Oceania (136.682, il 3,1%), Africa (56.583, l’1,3%) ed infine l’Asia (44.797, l’1,0%).

Un’ulteriore analisi e’ stata sviluppata su ciascun continente e dalla quale e’ emerso qualcosa di altrettanto interessante: un forte aumento degli italiani in Asia (+18,5%), America (+6,8%),  Africa (+5,7%), Europa  (+4,5%) e Oceania (+3,6%). Mentre le comunita’ italiani piu’ grandi- numericamente parlando- continuano ad essere quelle in Argentina (691.481), Germania (651.852), Svizzera (558.545), Francia (373.145) e Brasile (316.699).

E cosa ne pensate della leggenda che la maggior parte degli italiani migranti sono quelli meridionali? Tanto leggenda alla fine non e’ visto che gli stessi dati Aire confermano questo fenomeno: il 52,8% degli italiani all’estero all’inizio del 2013 e’ partito dal Sud. Sono quasi 2 milioni e 300 mila meridionali, mentre sono circa 1 milione 390 mila partiti dal Nord (con una percentuale del 32%) e poco piu’ di 662 mila dal Centro Italia (15%).

Andando piu’ a fondo, risulta che la Sicilia e’ la prima regione di origine degli italiani all’estero, seconda e’ la Campania, seguita poi da Lazio, Calabria, Lombardia, Puglia e Veneto.

Le analisi sono state svolte anche sul numero degli italiani rientrati in patria, che solo nel 2011 sono stati 31.466, in confronto ai 50.057 italiani partiti. Creando cosi, il numero di espatriati piu’ alto registrato dal 2000.

Il fenomeno degli italiani all’estero esiste e  negli ultimi tempi ha raggiunto cifre esorbitanti. Ragion per cui, dovremmo porci alcuni interrogativi, cercare di andare all’origine di tutto cio’ e provare a far qualcosa per salvaguardare il nostro futuro e quello dei nostri figli.

Foto: Flickr

Commenti

comments

5 thoughts on “Italiani all’estero sempre più in aumento, gli ultimi dati AIRE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *