loading ...
Tap

Chiudere le frontiere o no, il prossimo referendum in Svizzera

Il 9 febbraio 2014 i cittadini svizzeri sono chiamati a votare per il prossimo referendum riguardo la possibilità di chiudere le frontiere agli stranieri e ridurre il flusso della libera circolazione delle persone, limitando così anche il numero di lavoratori frontalieri, il principale obiettivo del referendum.

svizzera1 300x225 Chiudere le frontiere o no, il prossimo referendum in SvizzeraLa proposta è stata avanzata dall’Udc Svizzera, partito di ultradestra che già in passato aveva mostrato particolare interesse sulla questione in causa. Quello che si chiede è di rivalutare e rielaborare gli accordi bilaterali sulla libera circolazione stipulati con l’Unione Europea tra il 2002 ed il 2008. Con questa proposta l’Udc vuole restringere l’enorme flusso degli stranieri in Svizzera, includendo anche la riduzione degli italiani frontalieri e non solo. Il motivo di questa proposta si basa principalmente sulla paura della sovrappopolazione del paese.

Nonostante la crisi, che ha ormai colpito molti paesi europei, la Svizzera sembra reggere bene il colpo e continua ad essere considerata uno dei paesi con una certa stabilità economica. Proprio per questo motivo viene scelta come meta da numerosissimi stranieri che decidono di tentare ed avventurarsi nel paese alla ricerca di qualcosa di meglio. Tra questi stranieri, in cima alla classica ci siamo proprio noi italiani con una percentuale del 15,8%, relativa però ai soli residenti del posto, cioè coloro che vivono a tutti gli effetti nel paese. Per quanto riguarda le persone che viaggiano giornalmente, sono in aumento del circa 4,7% rispetto allo scorso anno.

In sostanza, l’Udc propone di ridurre i permessi di dimora per stranieri, includendo i permessi di asilo e i ricongiungimenti familiari. Inoltre, questo provvedimento dovrebbe comprendere anche gli stranieri che esercitano un’attività redditizia implicando quindi anche i frontalieri.

Secondo le prime indiscrezioni, la maggior parte degli svizzeri è contraria all’ostacolazione della libera circolazione delle persone. Dall’altra parte invece, alcune zone del paese maggiormente toccate da questo fenomeno, in quanto si trovano proprio al confine con Francia e Italia, sono favorevoli. Queste sono Canton Ticino e Canton Ginevra, dove gli abitanti del posto vedono a rischio le loro posizioni lavorative e sono disposti anche ad accettare condizioni più basse rispetto alla norma.

Foto: flickr

Commenti

comments

2 thoughts on “Chiudere le frontiere o no, il prossimo referendum in Svizzera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *