loading ...
Tap

Possibilita’ di lavoro in Nuova Zelanda dopo il terremoto

Lavoro Nuova Zelanda

I lavori di ricostruzione a Canterbury per il post-terremoto sono un occasione per creare nuovi posti di lavoro e soprattutto aprire le porte a “skilled migrants” da oltreoceano.

Questo ha lasciato intendere il ministro dell’immigrazione Michael Woodhouse in una recente dichiarazione,  ha descritto il lavoro di costruzione posta terremoto come ‘l’impresa economica più grande della storia recente della Nuova Zelanda’.

new zealand 300x199 Possibilita di lavoro in Nuova Zelanda dopo il terremotoNella dichiarazione annuncia anche che le domande di visto saranno aperte solo quando non ci saranno adeguati Neo Zelandesi per i vari posti. Comunque resta una buona occasione per chi e’ interessato a trasferirsi in Nuova Zelanda, dove sembra sia un po’ piu’ facile ottenere un visto rispetto alla “costosa” vicina Australia.

Il ministro ha anche avvertito contro le possibili reazioni “nazionaliste” all’arrivo di tanti lavoratori migranti, dichiarando che la Nuova Zelanda deve  mantenere la sua corretta reputazione internazionale per quanto riguarda l’accoglienza per i lavoratori stranieri. E’ in lavorazione anche una nuova legge sull’immigrazione per punire chi sfrutta il lavoro temporaneo con lavoratori stranieri con multe che possono arrivare a 10000 dollari neozelandesi o 7 anni di carcere.

Insomma la Nuova Zelanda sembra intenzionata ad accogliere piu’ migranti da oltreoceano e questa e’ cosa buona anche per chi, dall’Italia, vuole trasferirsi in Nuova Zelanda.

Link utili :

CERA

Govt announces move back into Christchurch’s CBD

Ricerca lavoro

 

Commenti

comments

One thought on “Possibilita’ di lavoro in Nuova Zelanda dopo il terremoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *